“Campaccio 2024”: bilancio positivo per presenza e indotto

9 Gen 2024

Alle spalle la 67^ edizione del Campaccio 2024 – World Athletics Cross Country Tour (livello gold): bilancio positivo per la presenza dei campioni africani e non solo, ma anche per tanti italiani che hanno portato indotto nella ricettività a nell’accoglienza dell’Altomilanese. Per la cronaca ha vinto Daniel Simiu Ebenyo per gli uomini e per le donne Francine Niyomukunzi con alle spalle le italiane Battocletti e Selva. Lo sapevate dell’indotto di queste manifestazioni sportive?...

Il Campaccio occasione di visibilità ed indotto

Grazie alla collaborazione tra US Sangiorgese, l’organizzatore della manifestazione , il Campaccio, la corsa campestre  World Athletics Cross Country Tour, rappresenta un’occasione di visibilità dell’intero Altomilanese. Infatti la corsa è stata trasmessa, da Sky Sport Max (ch. 205) con il commento di Nicola Roggero e Stefano Baldini.

Inoltre grazie alla società sportiva e agli operatori commerciali, tutto esaurito negli alberghi della rete di albergatori , “La Milano che conviene”, la rete che annovera circa 10 alberghi della zona con valutazioni simili anche nella ristorazione con riferimento alla rete “I Ristoranti del buongusto”.
(Foto a cura di Asse Focale sito ufficiale )

INDOTTO, ACCOGLIENZA E RICETTIVITA’

Luigino Poli, del Gruppo Poli  insieme alla presidente del MCC, Lia Libutti si ritengono soddisfatti dei risultati e “spronano” a crescere ancora di più gli operatori. “Noi dobbiamo dare un valore aggiunto ai nostri ospiti anche sui servizi, come facciamo da anni sui prezzi, per avere ulteriori “ritorni” dalle iniziative sportive. Le occupazioni delle camere sono state mediamente l’80%, ma possiamo ancora crescere”. Invito raccolto anche da altre strutture. Tra questi Maurizio Castoldi dell’Hotel 2c di Legnano che ha affermato “attraverso i social abbiamo avuto un ottima occupazione. Ben vengano queste manifestazioni”.

LA STORIA

La U.S. Sangiorgese ha compiuto 100 anni nel 2022, Il Campaccio compie ormai 67 edizioni ininterrotte, tutte in tempo di pace e che pace sia sempre corollario dello sport sui prati di San Giorgio su Legnano.
Quanti campioni e campionati italiani sono passati dal Campaccio non si riesce nemmeno a contare. Ci sono passati un Campionato Europeo memorabile nel 2006, ci passa ogni anno ormai il World Athletics Gold Level Cross Country Tour, ci è arrivata persino la World Athletics Heritage Plaque nel 2023… Sulle casacche di US Sangiorgese nel frattempo erano state appuntate tre stelle, sono tre stelle al merito del CONI: nel ’76 quella di bronzo, nell’83 quella d’argento, nell’88 quella d’oro.
“Campasc” nel dialetto locale vuol dire appunto campo squinternato, accidentato: era il 10 marzo 1957 quando il Mossiere (invero un personaggio d’eccezione) Adolfo Consolini, discobolo olimpionico a Londra ’48 e triplice primatista mondiale, diede il via al primo Campaccio. E poi gli anni ’20 del XXI secolo sono quelli dell’allargamento a progetti di valenza sociale, in primis con la partnership in tema di “parità di genere” con European Athletics. “

EDIZIONE 2024 UOMINI

Per la cronaca i campione mondiali sul campo ovvero sul “Campaccio” sono arrivati e come sempre gli africani si sono distinti. Bene anche, per le donne, le Italiane, Battocletti e Selve. Entrando nel merito Daniel Simiu Ebenyo, con un tempo di 0:29:16 ha vinto il Campaccio 2024, Seconda posizione per Oscar Chelimo, terzo Yves Nimubona.

CAMPACCIO DONNE

Alle loro spalle il rwandese Yves Nimubona (US Quercia) e i due burundesi Celestin Ndikumana (ASD Atl Futura Roma) e Egide Ntakarutimana (Atl. Casone Noceto). Più staccato l’azzurro Iliass Aouani (GS Fiamme Azzurre).
Per le donne al primo posto l’atleta del Burundi, Niyomukunzi Francine con il tempo di 0:19: 42; e dietro due atlete italiane sul podio Nadia Battocletti con 0:19: 46 e Giovanna Selva con il tempo di 0:20:31.

Social

Consigliati

“Dalla Vigna al Calice” dell’Enoteca Longo: un viaggio “Glocal” alla scoperta dei territori

L’occasione della presentazione del corso “dalla Vigna al calice” dell’Enoteca Longo è un occasione per narrare di vini e dell’indotto…un viaggio per scoprire territori

I viaggi di Enzo in Camper. San Miguel un paesino di pescatori che mi ricorda Ischia…

Verso Nord: una bella scoperta il paesino di San Miguel. paesino di pescatori e con alcune analogie….

Il mio viaggio in camper: Etretat, le falesie e non solo (tappa 8)

Ebbene anche i grandi si “stupiscono” visitando Etretat. E’ quello che è successo a me alla scoperta di questo borgo eccellenza della Normandia. Le stradine strette in stile alsaziane, i colori intensi, i sapori che ti “catturano”, insieme all’eccellenza delle “falesie” ne fanno un luogo unico.

I Viaggi di Enzo in Camper. Santa Cruz de Tenerife: la stupenda “capitale” delle Canarie

A Santa Cruz non ci puoi non andare se visiti Tenerife. E’ una città ricca di cultura, Arte e natura…Io l’ho visitata…

I viaggi di Enzo in camper. Il Teide il “gigante” buono. La mia esperienza in moto

Il mio obiettivo dichiarato in questo viaggio, era di “salitre” sul Teide, il Gigante buono. Ed è quello che ho fatto il 23, con “D’Artagnan” il mio scooter. Un tuffo nella natura ricca di contrasti…

“La storia tra le righe” chiude con tante soddisfazioni. A ri-vederci nel 2025!

Il mio orgoglio di legnanese si misura anche con queste occasioni, come il festivale che porta il nome di Legnano in Italia e non solo…

Il Salone del Mobile e FuoriSalone: novità ed opportunità

La fortuna di abitare in un territorio dove accadono “cose” belle: il Salone del Mobile è una di queste. Seguitemi…

it_IT