Lo sapete che Brolo è il “Paese dei Gatti”?

16 Giu 2024

In vacanza al @campingorta sull’omonimo lago, complice il maltempo, ho fatto una gradevolissima escursione nel “Paese del Gatti”, ovvero Brolo, nel V.C.O.. Lo conoscevate? Seguitemi e vi racconto anche la leggenda…

Lavatoio con opere di artisti locali – e Frova e Piazza

La mia esperienza a Brolo

La mia esperienza nel “Paese dei Gatti”, un ridente ed arroccato paesino a circa 300 metri sul @lagodorta a due passi da @omegna, è stata di “stupore”. Stupore perché dopo averne sentito parlare da Aurora, una mia ex-collaboratrice e  “gattara” innamorata e completamente “dedicata” ai felini, che mi ha “stimolato”. E ieri, 14 giugno con un tempo novembrino (vedi video) non avevo proprio di voglia di stare in camper. In scooter, con il mio fedele “D’Artagnan” ho fatto la scoperta. Un paese completamente dedicato ai gatti. Ovunque c’è un simbolo, una scultura, un pensiero dedicato ai felini, che han fatto anche la “fortuna” del paesino. Oltre alle opere  del quale ne parlerò dopo, il paesino sta vivendo una fortunata “ricaduta” che sta portando tanti turisti qua. Ne hanno parlato la Rai,  il settimanale “Gente” ora in edicola, “Turisti per caso” ed ora anche “I viaggi di enzo” (ah ah ah)

Perché Brolo è il paese dei gatti?

La storia iniziò il 10 ottobre 1756 durante la seduta del Consiglio della Comunità dove la città di Brolo chiese al paese di Nonio la separazione, a livello ecclesiastico, dalla Parrocchia di San Biagio di Nonio perché originariamente gli abitanti dovevano recarsi proprio a Nonio per tutte le funzioni e dovevano attraversare un fiume soggetto a piene il “Rio veloce”.

Impresa che era irrealizzabile al punto di inventare un motto versus i “brolesi”: “Quand al vien parrocchia Brol, al ratta metrà su ul friol” che in italiano significa “quando a Brolo ci sarà la parrocchia il topo si metterà il mantello”. Proprio come dei gatti, gli abitanti avrebbero dovuto cacciare i topi che infestavano il paese; la città, così, si impegnò e riuscì nel suo intento il 27 aprile 1767 e il motto divenne “È stata fatta la parrocchia a Brolo ed il ratto ha messo il mantello”. Il giorno seguente venne, infatti, inchiodato sulla porta di una delle autorità di Nonio un piccolo topo con addosso un mantello a rappresentare che i gatti, gli abitanti di Brolo, avevano cacciato i topi con il mantello ( Nonio)

La soddisfazione dei “brolesi”.
Il 27 aprile 1767 è stato anche firmato il decreto che permise l’erezione della Parrocchia di Sant’Antonio Abate. Tale leggenda, anni dopo, fu lo spunto per decidere di utilizzare la figura per dare al borgo un’entità con cui differenziarsi.

E l’idea dei gatti è stata geniale come mi hanno raccontato Lucia e Nino, “gatti” di Brolo, che mi hanno accolto, mi hanno e fornito il depliant illustrativo (sebbene fossi arrivato in paese all’ora di pranzo!), e mi hanno indicato le opere dei quali vanno orgogliosi.

Ogni anno sono molti i visitatori che vengono in questo paesino; anche i bambini del posto conoscono bene la leggenda e sono felici di raccontarla anche attraverso i disegni.

Ancora oggi gli abitanti del paese sono orgogliosi di questa tradizione come testimoniano i cartelli d’ingresso ed uscita dalla città raffiguranti dei gatti.

Le opere dedicate ai “Gatti”

Brolo è un Museo a “cielo aperto” dedicato ai Gatti. Artisti locali ed altri innamorati del posto hanno lasciato delle testimonianze. Tra i celebri autoritratti presenti in città ricordiamo quello di Van Gogh che rappresenta un micio e per riprendere l’Urlo di Munch un gatto urlante. Poi mi è piaciuta l’opera del “Gatto Furioso” di Giorgio Rava ubicato nella sede degli Alpini Brolesi. Un’altra opera che mi ha coinvolto è stato il “Monumento” ai Gatti di Orlando Piazza . Notevole il restauro del lavatoio dove i “felini” sono sempre in bella mostra. Poi ci sono vari “vicoli” ma quello più attraente, per me, è quello de “Strescia dal gat” Infine c’è la Piazzetta del gatto tutta dedicata all’amico dell’uomo dove a due passi c’è il Circolo Operaio “Guglielmo Oberdan, sempre dedicato a “Lui” e dove si puo’ mangiare, a mezzogiorno, con soli dieci euro! Ah dimenticavo; andate a Brolo anche per la bellissima vista sul lago d’Orta versante Omegna. Infine ci sono tante escursioni a due passi dal lago  (Monte Cregno e sul monte Pizzo, boschi di Cesara e due lagoni limitrofi!)

Social

Consigliati

Dovunque è Legnano: anche al Castello dei Savoia a Sarre

Una scoperta straordinaria: all’interno del castello di Sarre, residenza di caccia e non solo, dei Re Savoia, una copia de “Il Carroccio”…1176 emozioni…da legnanese…

I Placebo al @rubgysound: evento nell’evento

Lo sapevi che il @rugbysoundfestival è diventato sempre più internazionale? un esempio i Placebo…ma non solo…

Legnano: Un week end a tutta socialità e cultura in città

Tante iniziative nel weekend della festa della mamma in città per il Centenario di Legnano città…Siamo fortunati a vivere nella città del Carroccio…

La Lunga notte delle chiese: anche la nona edizione, un successo

La conosci l’iniziativa “La lunga notte delle Chiese”? oltre all’aspetto spirituale ci sono tanti valori, ricadute…

Il mio viaggio in camper: Pont de Normandie per Etretat (tappa 7)

Ieri abbiamo salutato la “scoperta” Honfleur che con le sue bellezze floreali, i suoi macro croissant e le specialità di pesce, ci ha regalato due giorni di “stupore” in attesa di arrivare a Etretat, passando dal Pont de Normandie. Seguiteci che ve lo raccontiamo!

San Maurizio al Monastero Maggiore: la Cappella Sistina della Lombardia

Lo sapevi che anche a Milano esiste una Chiesa che è considerata “La Cappella Sistina della Lombardia”?

I viaggi di Enzo in camper: Fuerteventura tanto vento e…

Una sintesi della mia esperienza a Fuerteventura, la isla baciata dalla bellezza e dal…vento

I viaggi di Enzo in Camper. Intervista a Alejandro e Carolina. Dall’Argentina a Tenerife ma nel cuore l’Italia

Per la Rassegna “Vivere alle canarie” abbiamo intervistato due ragazzi Argentini, Alejandro e carolina, che hanno deciso di vivere a Tenerife, ma hanno nel cuore l’Italia…

it_IT