Il Museo di Cristoforo Colombo: storia e orgoglio italiano alle Canarie

10 Mar 2024

Ho visitato il Museo de Colon, ovvero la casa-museo dedicata a Cristoforo Colombo per “I Viaggi di Enzo in camper”. Ancora una volta, le Canarie le sento molto ma molto vicino…

Il museo della scoperta dell’America

Sono arrivato a “cavallo” del mio D’Artagnan nel centro storico di Las Palmas de Gran Canaria, a Vegueta davanti al Mercato Coperto, che da solo merita una visita, perché è una “casbah”, per dirigermi alla Casa Colon, da li a soli 150 mt. Ebbene l’edificio, che si narra, abbia ospitato Cristoforo Colombo nel 1492, allora residenza del Governatore si presenta come un tipico e grazioso edificio in stile coloniale. Il Palazzo, come tutti i palazzi importanti , possiede anche un giardino, dove fanno da “mascotte” due graziosi pappagalli, che “danno” il benvenuto. Il Museo è dedicato alla storia delle isole Canarie dove, però, c’è una bella ricostruzione del navigatore e scopritore delle “Indie”(ovvero Americhe) con tre stanze dedicate.
In queste tre stanze c’è spazio per i quattro, che poi sono cinque viaggi di Colombo (mentre i libri di storia parlano di quattro),

Questo mi riempie di orgoglio e mi fa “rivivere” la storia anche in modo critico. Perché per queste scoperte abbiamo “sacrificato” tanti aborigeni-guanci. Purtroppo!…

Il palazzo che ospitò Colombo

Questa grande casa appartenne ai primi governatori di Gran Canaria e servì da alloggio a Cristoforo Colombo nelle occasioni in cui, a cominciare dai suoi viaggi verso l’America, fece scalo alle isole Canarie. Si narra che nel primo viaggio, 1492, Colombo ebbe un inconveniente alla “Pinta”, la seconda “caravella delle tre “Nina, Pinta ed Santa Maria e visse qui, per il periodo della riparazione.
Nelle stesse sale, ed in particolare nella prima, bello “lo spaccato” della Nina, con una ricostruzione alquanto fedele della “caravella”. Nella seconda, invece, si da’ ampio spazio alle quattro avventure. In effetti le spedizioni furono cinque, se si considera anche la spedizione di Diego da Salcedo, per conto di Colombo e qui, con un accurata ricerca-storica, viene evidenziato questa ulteriore spedizione.
Infine nell’ultima sala, attraverso visori multimediali, vengono ricostruite le cinque spedizioni. I bambini , ma anche noi grandi, siamo attratti da questa ricostruzione multimediale…
Ed anche qui, mi sono sentito più “italiano”

casa colombo a las palmas gran canaria (5)

Divisione e struttura del Museo

Il museo è suddiviso in cinque aree tematiche.
Per la prima area, si evidenziano nelle sale dedicate, , l’America precolombiana, e/o l’immagine del mondo attraverso i progressi cartografici. A latere del cortile dove c’è un “pozzo” ancora funzionante, esiste una biblioteca e un centro studi specializzato che “indaga” in modo scientifico su questa bella storia.
Nella seconda area, le tre stanze dedicate a “Colon” come viene chiamato in canario Cristoforo Colombo.
Di questo ne ho parlato nella parte precedente.

Un’area che mi ha “appassionato” è il ruolo che hanno avuto in passato le Isole Canarie ovvero ponte di spedizioni, di scoperte di nuovi mondi. Ed anche questo mi avvicina alla cultura Canaria: sapere che da qui, sono iniziate le grandi scoperte che hanno trasformato la vita di tutti noi, mi inorgoglisce e mi avvicina: Mi sento “canario”!

Le ultime sale sono dedicate alla Storia di Las Palmas. Attraverso una ricostruzione in legno, si vede l’espansione della città, nei secoli. E’ possibile utilizzare un indicatore geografico a led, per riconoscere l’”Attuale” ubicazione. “Analogicamente” Stupendo
Infine la parte dedicata all’arte Canaria e pittura che va dal 1400 al 1700. Chiaramente ci sono “infulenze” italiane come “Il Guercino”, ma anche tante infulenze spagnole e poi francesi. Per quello che attiene al 1500. Poi nel settecento una “modesta” scuola spagnola-canaria si mette in evidenza.

Social

Consigliati

Viaggio nella Maturità 2024: la sicurezza dei ragazzi di oggi, uomini di domani

La Maturità: per alcuni una tragedia, per altri una passeggiata. Il trucco? Studiare costantemente…cosi arrivano i risultati. Ecco il parere di Federico….

Biella più vicina a Milano con l’Oasi Zegna ed il Giro d’Italia

Il mio orgoglio nel vedere il Giro d’Italia raggiungere Oropa, nella tappa Torino-Oropa che ha attraversato anche la “mia” Andorno Micca…

Ecco i numeri del Palio 2024: successo e qualche criticità

Lo sapevi che il Palio di Legnano sta crescendo con i numeri e l’autorevolezza?

Il mio viaggio in camper: destinazione Etretat

Pressione ruote, controllo bombola del gas e batterie dei pannelli solari: tutto a posto! E allora si parte… la Francia ci attende. Tappa finale Etrat in Normandie!

Santa Caterina al Sasso: bellezza e spiritualità a braccetto

L’Eremo di Santa Caterina al Sasso, una eccellenza tra spiritualità, arte e natura

Legnano: un grave lutto mi ha colpito. Mio suocero Luciano non c’è più

Un grave lutto mi ha costretto al rientro a Milano a Volo…Mio suocero Luciano Bernardi non c’è più…

Un viaggio a “Mythos – Fantastiche creature” a Torino pensando a Legnano

La visita alle ghiacciaie di Torino per la mostra “Mythos” mi ha fatto pensare a quelle di Legnano. Lo sapevi che al castello c’è una ghiacciaia?

A Paris in cerca di bellezze, leggerezza e buone idee

Accogliamo oggi un’altra amica che ha un’attività a Legnano, Chiccheri&piattini, che viaggia spesso per “lavoro” e non solo…

La Catedral de Santa Ana, un po’ di Francia alle Canarie

Una bella scoperta la Catedral de santa Ana: gotica, un po’ barocca ed un po’ neoclassica….da vedere…

Palio di Legnano: La Provaccia a Sant’Ambrogio. Domenica 26 il Palio

Li conosci i nomi dei fantini del palio di Legnano A.D. 2024? e Della Provaccia?
E sai l’ordine di arrivo della Finale della Provaccia?

it_IT